Questo sito fa uso di cookie tecnici e di cookie di parti terze per migliorare l’esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’utilizzo del sito stesso. Può conoscere i dettagli consultando la nostra privacy policy. Proseguendo nella navigazione si accetta l’uso dei cookie; in caso contrario è possibile abbandonare il sito.

JO MO. Donne e realizzazione spirituale in Tibet

Continuazione ideale di Donne di Illuminazione. Ḍākinī e demonesse, Madri divine e maestre di Dharma pubblicato alcuni anni fa, il volume è dedicato ad alcune straordinarie adepte tibetane dell’XI-XII sec. chiamate jo mo, discepole tutte del maestro buddhista tantrico indiano Pha Dam pa sangs rgyas (morto nel 1117). La storia delle ventiquattro venerabili, la cui esistenza ci viene tramandata attraverso un testo agiografico abbastanza antico – probabilmente non posteriore al XIII sec. e intitolato la Storia delle ventiquattro jo mo – viene qui per la prima volta interamente tradotto dall’originale tibetano. E se pure nella tradizione buddhista tibetana il termine jo mo non indica un particolare stadio di ottenimenti spirituali, almeno ventitre delle nostre jo mo, le quali condussero un’esistenza lontana dal mondo –nella solitudine delle montagne o dissimulando la loro reale identità– debbono essere riguardate quali adepte straordinarie, soprattutto per i segni prodigiosi venuti a manifestarsi al tempo della loro dipartita. Il volume poi contiene alcuni ‘canti spirituali’ o ‘canti di realizzazione’ (tib. mgur) di particolare bellezza e finezza poetica attribuiti a tre jo mo – non comprese nel testo relativo alle ventiquattro jo mo. Tali canti mgur, unitamente ad alcune istruzioni spirituali di forte impatto emotivo che il maestro tantrico, secondo le modalità proprie dei siddha dell’India, avrebbe rivolto a quei discepoli e discepole a lui particolarmente vicini e devoti, vengono qui tradotti dall’originale tibetano.

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.