Questo sito utilizza i cookies per migliorare il modo di utilizzo del sito. I cookies sono usati per le operazioni essenziali del sito ed i dati raccolti sono trattati secondo le norme di legge. Per avere altre informazioni sui Cookie e come cancellarli, leggi la nostra policy sui Cookie.

Articoli (17)

Quaderni Asiatici 105-marzo 2014, Centro di Cultura Italia - Asia 'G. Scalise', Milano 2014, pp. 29-52

Corpo femminile e manifestazione della Saggezza nel buddhismo indo-tibetano, in Voci e conflitti, The Departement of Oriental Studies, University of Turin, DOST Critical Studies, Alessandria 2010, pp. 61-72.

The srin mo Demoness and her Submission to the Buddhist Tibetan Dharma: Some Different Modes of her Transformation, in “Buddhist Asia 2”, PAPERS FROM THE SECOND CONFERENCE OF BUDDHIST STUDIES HELD IN NAPLES IN JUNE 2004, Edited by G. OROFINO and S. VITA, Italian School of East Asian Studies, Kyoto, 2010, pp. 69-97.

La fecondità della mancanza: Milarepa come yogin e come smyon pa "folle", in QUADERNI ASIATICI 83, settembre 2008, Milano, pp. 81-100.

Le donne e la costruzione della pace, in DHARMA, n. 29, Roma 2008, pp. 80-85.

 

 

Dalla Birmania: testimonianze del Dhamma, in DHARMA, n. 29, Roma 2008, pp. 86-93.

Interdipendenza, relazione e compassione in “Interdipendenza”, n.2, febbraio 2006, Torino 2006, pp. 17-19.

Un asceta nel Paese delle Nevi: Mila Vestito di Tela e il canto della pratica spirituale, in L'ASCESI NEL BUDDHISMO E NEL CRISTIANESIMO, Atti del Convegno, 12 giugno 2004, Monastero di San Biagio di Mondovì (Cuneo) 11-12 giugno 2005, pp. 9-26.

A proposito di un testo tibetano custodito alla Biblioteca Nazionale di Torino, in “Rivista degli Studi Orientali”, vol. LXXVII, fasc. 1-4, (2003), Istituti Editoriali e Poligrafici Internazionali Pisa-Roma, 2004, pp. 277-279.

Nella Biblioteca Nazionale di Torino è conservato un testo tibetano, seriamente danneggiato durante l'incendio del 1904 e restaurato nel 1976. Si tratta di un tantra del Vajrayāna, forse da ascriversi a Vimalamitra, il Maestro buddhista indiano invitato alla corte del re tibetano Khri srong lde brstan (VIII sec.d.C.)

Il dharma di una regina buddhista inMandala”dicembre 2002, ristampa in “Individuazione”ASSOCIAZIONE GEA Genova, marzo 2004.

 

 

Lo Strīvivartavyākaraṇa e la figura del bodhisattva in forma femminile in “Atti dell'ottavo convegno di studi sanscriti” (Torino, 20-21 ottobre 1995), Torino 2001, pp. 139-147

Lo Strīvivartavyākaraṇa, o la Profezia della Trasformazione delle Donne, è un antico sūtra buddhista dei primi secoli dell'era cristiana, in cui si espone in forma dialogica e maieutica il percorso femminile verso la Realizzazione Ultima. Il lavoro, che prende in esame anche opere consimili appartenenti allo stesso periodo, si basa sull'analisi di testi originali del Canone buddhista tibetano.

 

 

A proposito del IX capitolo del Drumakinnararājaparipṛcchā-sūtra in “Atti del nono convegno di studi sanscriti” (Genova, 23-24 ottobre 1997), Pisa, Edizioni ETS, 1999, pp. 51-57.

Il nono capitolo di questo sūtra del buddhiamo Mahāyāna, conservatoci unicamente su fonte tibetana, è interamente dedicato alle modalità del percorso femminile verso la Realizzazione Ultima e alle sue differenze rispetto al percorso maschile.

Le torri di Milarepa come simboli inParamita. Quaderni di Buddhismo per la pratica e il dialogo”, 66, aprile- giugno 1998.

Voci femminili nella trasmissione del dharma buddhista in “Occidente Buddhista” 20, ottobre 1997, Milano

La questione tibetana e le proposte di risoluzione del conflitto, 28 marzo 2008, in www.amitaluceinfinita.it/pace.htm

 

 

Mi la ras pa's Trial of the Towers and the Tantric Ritual of the sbyin-sreg in “The Tibet Journal”, Shakabpa Memorial Issue Part III, vol. XVI, no. 2, 1991, pp. 67-75

L'articolo esamina la celebre prova delle quattro torri imposta dal Maestro Marpa al suo discepolo Milarepa, alla luce di alcune interessanti valenze simboliche sia occidentali che buddhiste.

A Note on the Anityārthaparikathā in “ The Tibet Journal” vol. XIII, no. 2, 1988, pp. 23-30

Il lavoro presenta la traduzione dall'originale tibetano di una ode all'impermanenza dei fenomeni attribuita al celebre poligrafo kashmiro medievale Kṣemendra.